Sciabola

XIX-XX secolo
 

L'ultima, e assai praticata Arma da Duello, ancora in uso nei primi decenni del Ventesimo secolo, di cui molta tradizione è sopravvissuta negli stili Classici e tardo Classici. Da non confondersi con la Sciabola sportiva moderna o quella militare da cavalleria, questa è la "Sciabola da Terreno", famosa protagonista di incontri fino agli anni 20 del secolo appena passato.

E' un'arma assai difficile per la sua dottrina d'uso principale - i Duelli al "primo sangue" - che può spesso portare lo schermidore a contravvenire al principio del "tocca senza essere toccato" e trascurare la difesa, erroneamente puntando ad una frettolosa conclusione dell'assalto. Uno stile molto rapido, di riflessi e colpo d'occhio, ma non per questo unicamente basato sulla velocità.

La nostra pratica con la Sciabola da Terreno segue principalmente i sistemi di Radaelli e dei suoi discendenti, tra cui il M. Barbasetti. Tali sistemi furono rifiutati dalla Accademia Nazionale di Napoli ma di fatto gran parte dei vecchi Maestri li introdussero nella loro didattica.

In FISAS perciò le Sciabole che utilizziamo sono dei modelli "Radaelli", "Pecoraro", "Masiello Seconda Versione" e "Barbasetti", da noi riportate in auge dopo decenni di oblio. Anche in questo caso FISAS ha dovuto creare una linea specifica di armi adeguate alla Tradizione dato che il mercato non offriva quanto necessario per la nostra pratica.

Nuove lame, cocce ed impugnature, che rendono anche quest'Arma il più possibile fedele all'originale sciabola della fine dell'Ottocento, equipaggiano ora gli studenti FISAS di armi finalmente valide ed attendibili.

Testi di Andrea Lupo Sinclair, riproduzione anche solo parziale permessa solo con l'esplicito consenso dell'autore.

Copyright © 2016 ASD FISAS - Scherma Tradizionale. Tutti i diritti riservati.